lunedì, Giugno 17, 2024
HomeStile di vitaArredamento e DesignCrea il tuo angolo di paradiso

Crea il tuo angolo di paradiso

Come l’arredamento per esterni può connettersi alla natura

Immagina di sederti su un comodo divano in legno massello, sorseggiando un cocktail fresco mentre guardi il tramonto. Oppure immagina di organizzare una cena all’aperto con amici e familiari, seduti a un tavolo in teak con cuscini morbidi e candele accese. Questi sono solo alcuni dei modi in cui l’arredamento per esterni può trasformare il tuo giardino o terrazzo in un’oasi di comfort e stile.

L’architettura è un’arte quando un pezzo di natura, un pezzo di roccia, di terra o d’acqua, diventa un edificio, un pezzo di vita, un pezzo di vita condivisa

Frank Lloyd Wright

Ecco qualche piccolo consiglio riguardo l’arredamento per esterni, come scegliere i giusti materiali e come progettare uno spazio all’aperto che soddisfi le tue esigenze.

L’arredamento per esterni consente di trasformare uno spazio all’aperto in un’area confortevole dove trascorrere del tempo con amici e familiari. Gli elementi di arredo, come tavoli, sedie, divani (qui un’idea per i tuoi acquisti) e ombrelloni, offrono un posto dove sedersi e rilassarsi, mentre elementi decorativi come cuscini e tappeti contribuiscono a creare un’atmosfera accogliente e invitante. Inoltre gli arredi adatti al contesto possono creare un’armonia visiva e funzionale.

Durante la scelta dei materiali è importante considerare le proprie esigenze in termini di estetica, budget e manutenzione. Eccone alcuni da tenere in considerazione per la creazione dell’outdoor dei tuoi sogni.

Il primo fra tutti è il legno, materiale che si lega all’idea di unione con la natura e che offre un’estetica calda e accogliente. È resistente e duraturo se trattato correttamente, difatti richiede una manutenzione regolare per evitare che si deformi o marcisca. Se la scelta dovesse ricadere su arredi di questo materiale, è importante optare per legni tropicali o trattati appositamente per resistere alle intemperie come il teak, cedro o iroko.

Segue il metallo, materiale resistente e facile da pulire. Offre un’estetica moderna e industriale. Tuttavia, può essere freddo al tatto e scomodo per sedersi e nonostante la sua resistenza, può arrugginire se non protetto adeguatamente. L’acciaio inox, l’alluminio e il ferro verniciato sono alcuni dei materiali più utilizzati.

.

La plastica, invece, è leggera, economica e facile da pulire. A differenza dei materiali elencati in precedenza, può essere meno resistente e non sempre offre un’estetica accattivante. La plastica adatta per l’arredamento per esterni è quella in resina, in quanto è resistente agli agenti atmosferici.

Molto richiesti, negli ultimi anni, i tessuti come l’acrilico e il poliestere. Questi ultimi sono morbidi al tatto e offrono un’ampia varietà di colori e stili. Ma ci sono aspetti negativi nel loro utilizzo: possono sbiadire o restringersi con il tempo e richiedono una pulizia regolare per evitare la formazione di muffe.

Tra le ultime tendenze in fatto di arredamento per esterni spicca sicuramente quella dell’utilizzo di colori naturali come il beige, il marrone e il verde. Questi colori permettono una rapida connessione con la natura, soprattutto se associati all’utilizzo di materiali naturali e la creazione di zone verdi. Infatti, nel caso non siano previste nell’ambiente esterno in progetto, è sempre consigliabile l’inserimento di piante che non solo migliorano l’estetica dello spazio, ma anche l’aria e il clima. Piante come l’edera, la vite e il gelsomino sono particolarmente adatte per l‘arredamento di terrazzi e giardini.

Molto importante è anche l’utilizzo di materiali riciclati. I mobili in legno riciclato, ad esempio, sono un’opzione ecologica e alla moda. Anche i tessuti riciclati sono una scelta popolare per cuscini e tappeti per esterni.

.

Tra le tendenze più popolari, vi è sicuramente quella della creazione di un outdoor living, che vede l’estensione degli spazi abitativi all’aperto con l’utilizzo di arredamenti come divani, tavoli, sedie, cucine e persino camere da letto. Molti amano anche mantenere lo spazio esterno minimale, attraverso una riduzione dei pezzi e una maggiore attenzione sulla funzionalità e sull’estetica pulita e semplice.

Infine, ma non meno importante, vi è l’utilizzo di fili di luci che contribuiscono alla creazione di un’atmosfera magica.

Tuttavia, progettare uno spazio all’aperto richiede una buona pianificazione che favorisca la creazione di un ambiente funzionale. Ciò significa pensare a come utilizzerete lo spazio e come desiderate utilizzarlo in futuro. Ad esempio, se si desidera creare un’area pranzo all’aperto, è importante posizionare un tavolo e delle sedie in un’area adatta per mangiare e divertirsi con amici e familiari. Se invece si desidera creare un’area relax all’aperto, si può optare per un’area con un divano e un tavolino per leggere o prendere il sole.

.

Un altro aspetto fondamentale da tenere in considerazione è il budget. Progettare uno spazio all’aperto può essere costoso, quindi è importante stabilire un budget e cercare di rimanere entro i limiti stabiliti.

Ci sono molte opzioni per arredare uno spazio all’aperto a prezzi accessibili, come ad esempio utilizzare mobili da giardino di seconda mano, acquistare pezzi in offerta o creare elementi decorativi fai-da-te utilizzando materiali economici come pallet o bottiglie di plastica riciclate (qui un articolo sull’arredamento eco sostenibile).

Dunque, le tendenze in fatto di arredamento per esterni stanno evolvendo verso uno stile più naturale, con un’enfasi sulla funzionalità, un’estetica pulita e l’utilizzo di materiali ecologici. Con questi consigli e idee, trasformerai il tuo spazio all’aperto in un’oasi di relax in pochissimo tempo!

Felicia Robustelli
Felicia Robustelli
La sua passione per l’arte la porta, fin dalla tenera età, a seguire assiduamente corsi di pittura e a curiosare nelle riviste d’arte delle librerie. Frequenta il Liceo Artistico Sabatini-Menna a Salerno, dove si diploma in Arti figurative e decide di proseguire i suoi studi presso l’Università degli Studi di Salerno, conseguendo la Laurea Magistrale in Storia e Critica d’arte. La scelta di intraprendere un percorso universitario non le ha mai impedito di proseguire il rapporto con i suoi amati acquerelli e matite colorate. Inoltre, il suo amore per i pennelli e colori l’ha portata a svolgere la professione di Make-up Artist e Dermopigmentista estetica. La sua passione per l’arte contemporanea le ha permesso di avvicinarsi al mondo di KaboomArt, galleria d’arte digitale, dove attualmente ricopre il ruolo di Art Advisor e ha modo di lavorare a stretto contatto con alcuni dei più talentuosi artisti europei.

Altri articoli dallo stesso Autore

Trucco permanente: dalle sopracciglia al tatuaggio paramedicale

Ecco come il trucco permanente può aiutarti a sentirti di nuovo a tuo agio con te stesso Avete mai desiderato avere sopracciglia perfette senza dover...

La vita interiore dell’opera d’arte secondo Vasilij Kandinskij

La teoria della necessità interiore di Kandinskij La vera opera d’arte nasce “dall’artista” in modo misterioso, enigmatico, mistico. Staccandosi da lui, l’opera assume una sua...

Trotula de Ruggiero e il suo trattato sulla cosmesi

Consigli di cura e bellezza per le donne medievali Trotula de Ruggiero (1050 ca.- inizi XII secolo) è stata una celebre medica del Medioevo, originaria...

Design d’interni: trasformare gli spazi in opere d’arte

Storia, tendenze e innovazioni dal Bauhaus ad oggi Il design d'interni e l'arredamento moderno hanno radici profonde nella storia dell'arte e dell'architettura. Possiamo trovare i...

Most Popular

Recent Comments