giovedì, Luglio 18, 2024
HomeTendenze e attualitàSalute e BenessereIl Museo: una “palestra” per corpo e mente

Il Museo: una “palestra” per corpo e mente

Quando l’arte fa bene alla salute

“Le immagini sono chiavi, capaci per puro caso di aprire certe serrature biologiche o psicologiche, altrimenti detto sono falsi gettoni, capaci tuttavia di far funzionare il meccanismo”

Alberto Oliverio, docente di psicobiologia all’Università “La Sapienza” di Roma

Andare al museo è uno dei modi migliori per trascorrere del tempo libero. Non solo è un’attività divertente e interessante, ma può anche avere numerosi benefici per la salute.

In questo articolo, esploreremo i vantaggi di andare al museo e come questa attività può aiutare a migliorare la salute.

• Migliora la salute mentale

Andare al museo può avere un impatto positivo sulla salute mentale. La ricerca ha dimostrato che le attività culturali come visitare musei e mostre possono ridurre lo stress e l’ansia. Inoltre, l’esplorazione dell’arte e della cultura può aiutare a migliorare l’umore e la creatività. Alcuni musei offrono anche programmi educativi e attività per bambini, che possono aiutare a sviluppare la loro immaginazione e creatività.

Il Museo: una “palestra” per corpo e mente

• Aumenta l’attività fisica

Andare al museo può anche aumentare l’attività fisica. Molti musei sono situati in luoghi pittoreschi o storici, che possono essere esplorati a piedi o in bicicletta. Inoltre, i musei spesso richiedono di camminare per lunghe distanze per esplorare tutte le mostre. Questo può aiutare a bruciare calorie e mantenere la forma fisica. Avete mai provato a percorrere in salita i giardini della Reggia di Caserta? Beh, se sì, sapete di cosa sto parlando!

Il Museo: una “palestra” per corpo e mente
Reggia di Caserta

• Stimola la curiosità e l’apprendimento

Andare al museo contribuisce a sollecitare la curiosità e incrementare le capacità di apprendimento. I musei sono pieni di conoscenze e informazioni che possono aiutare a espandere le nostre menti e le nostre conoscenze. Inoltre, i musei offrono spesso programmi educativi e visite guidate, che possono fornire un’esperienza più interattiva e coinvolgente per i visitatori.

• Riduce l’isolamento sociale

Le attività culturali come visitare musei e mostre offrono ai visitatori l’opportunità di incontrare altre persone con interessi simili. I musei spesso offrono attività per famiglie e bambini, che possono aiutare a creare legami sociali e sviluppare relazioni positive. Avere un amico, un familiare o un conoscente col quale andare al museo e vivere un’esperienza, aumenta la nostra salute “sociale” e, di conseguenza, il nostro benessere.

• Migliora la comprensione culturale e l’empatia

I musei sono dei veri e propri portali che offrono una panoramica delle diverse culture del mondo, inclusa la storia, l’arte e la cultura di altri paesi. Questo può aiutare a conoscere le diverse culture e tradizioni, aprendo la nostra mente e ampliando i nostri orizzonti. Anche l’empatia costituisce un fattore importante: le opere sono storie di popoli e di persone, con i quali è possibile entrare a stretto contatto godendo del bello.

Un esempio su tutti è l’iniziativa che negli ultimi anni è portata avanti dal museo canadese delle Belle Arti di Montreal in collaborazione con i medici del posto. I risultati di questa iniziativa hanno evidenziato che persone affette da diverse malattie sia fisiche, come il diabete, sia psicologiche, come l’ansia generalizzata, hanno riscontrato dei benefici dalla visita al museo. Hélène Boyer, vicepresidente dell’associazione dei medici del Canada, ha sottolineato come le prove scientifiche ribadiscano l’efficacia dell’arteterapia nell’aumentare il livello di cortisolo e di serotonina. Nathalie Bondil, direttrice del Museo canadese dal 2007 al 2020, ha invece affermato che “nel XXI secolo la cultura sarà ciò che l’attività fisica è stata per la salute nel XX secolo”.

Il Museo: una “palestra” per corpo e mente
Visita guidata per anziani affetti da Alzheimer presso Palazzo Vecchio

Andare al museo può avere numerosi benefici per la salute e per l’anima, arricchendo con esperienze uniche il nostro vivere quotidiano. Le opere, si sa, molto spesso parlano da sole, quindi il consiglio più grande è “provare per credere!”, perché dopo aver iniziato, difficilmente smetterete. Inoltre, non dimenticate che molto spesso visitare i musei cittadini contribuisce direttamente all’economia locale, in un meraviglioso dare-avere che contribuisce al benessere in tutto e per tutto.

Rosa Liccardo
Rosa Liccardo
Rosa Liccardo (Napoli, 1987) è diplomata al liceo artistico Giorgio de Chirico all’indirizzo grafico pubblicitario e fotografia. Collabora negli anni con l’Accademia di Belle Arti di Napoli in progetti come “L’Accademia svelata” e “Il muro parlante” in cui approfondisce la Didattica dell’arte. Svolge un tirocinio presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli in cui affina la capacità di catalogare, inventariare e conservare testi antichi. Nel 2020 arriva la laurea triennale in Beni culturali e discipline delle arti e dello spettacolo conseguita all’Università di Salerno con una tesi in Storia dell’arte Moderna sul rapporto tra Antonio Canova e la città di Napoli. Nel 2021 frequenta il corso per la “Catalogazione tra tutela e valorizzazione” presso la Fondazione Scuola Beni Attività Culturali ed un percorso d’eccellenza in Social Media Management per i Beni Culturali. Nel 2023 si laurea dottoressa magistrale in Storia e Critica d'Arte con una tesi in Storia del Disegno, dell’Incisione e della Grafica basata sull'iconografia della diversità.

Altri articoli dallo stesso Autore

L’arte “degenerata”: storia di artisti in fuga

L'esilio che ha cambiato il volto dell'America Artisti in fuga da Hitler, l'esilio americano delle avanguardie europee è un saggio storico della professoressa Maria Passaro,...

La natura per Beatrix Potter

Quando arte e scienza si intrecciano Beatrix Potter è stata una scrittrice e illustratrice inglese nata a Londra nel 1866. È conosciuta principalmente per i...

Sei opere sul Natale

Il Natale visto con gli occhi dell'arte contemporanea Il più delle volte quando si pensa al Natale rappresentato nell’arte, quelle che vengono in mente sono...

Mickey Mouse e l’arte contemporanea

La figura di Mickey Mouse come fonte di ispirazione per gli artisti contemporanei. Era il 16 gennaio del 1928 quando Walt Disney e Ub Iwerks...

Most Popular

Recent Comments