lunedì, Giugno 17, 2024
HomeStile di vitaModaLa giacca Barbour - Storia di un capo iconico

La giacca Barbour – Storia di un capo iconico

Cosa rende un capo iconico e intramontabile? Per quale motivo le giacche Barbour hanno occupato un posto di rilievo nell’immaginario comune come simbolo dello stile British nel mondo? In questo articolo esploreremo la storia e le caratteristiche delle giacche Barbour e scopriremo perché sono diventate così iconiche.

È il lontano 1894 quando John Barbour fonda a South Shields, nel Nord dell’Inghilterra, una piccola azienda dedicata alla produzione di indumenti per marinai, pescatori e cacciatori: la Barbour & Sons.

Mr. Barbour non può minimamente immaginare il successo che il suo marchio avrebbe raggiunto negli anni a venire. I primi prodotti realizzati sono caratterizzati da un design funzionale, con tasche ampie e una chiusura a bottoni a pressione.

Marchio di fabbrica, sin dagli inizi, è il tessuto cerato pensato per “i climi peggiori” che contraddistinguono il territorio britannico. Nel giro di pochi anni, i capi Barbour divengono l’indumento prediletto dagli appassionati di motociclismo, che ne apprezzano la “tenuta da strada” e la grande resistenza ad urti, strappi e piogge torrenziali.

La giacca Barbour - Storia di un capo iconico

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la giacca Barbour venne utilizzata dalle forze armate britanniche, grazie alla sua capacità di resistere alle intemperie e alla sua durabilità. In aggiunta, importanti apprezzamenti arrivano anche dalla Royal Family, che inizia ad indossare capispalla Barbour durante battute di caccia e momenti di relax nella campagna inglese.

Nel 1974, il Duca di Edimburgo conferisce al brand il prestigioso Royal Warrant, titolo concesso ai fornitori ufficiali della Famiglia Reale. Il legame tra Barbour e la casa reale resta vivissimo anche oggi. Infatti, lo come dimostrano il Principe William e la Principessa Kate Middleton, più volte paparazzati con indosso l’iconica giacca cerata.

Oggi, la giacca Barbour è disponibile in diverse varianti, ma i modelli che si sono guadagnati il titolo di capi iconici sono due: la giacca Bedale e la giacca Beaufort. Mettiamoli a confronto per vederne le sottili differenze.

La giacca Barbour - Storia di un capo iconico

La giacca Bedale

La giacca Barbour Bedale è una giacca a vento classica, resistente all’acqua e al vento, creata negli anni ’80 come versione più corta del modello Beaufort, con la finalità di offrire una giacca più leggera e adatta alla vita cittadina. Le caratteristiche distintive della giacca Bedale sono:

  • Tessuto cerato
    La giacca Bedale è realizzata in tessuto cerato, un tessuto resistente all’acqua e al vento, che la rende adatta ad ogni condizione atmosferica. Il tessuto cerato è ottenuto, come si può intuire, attraverso una finitura a base di cera. Conferisce alla giacca una patina naturale e intramontabile con il passare del tempo.
  • Tasche
    Il capo presenta due tasche a filo sul petto e due tasche con pattina sulla vita, per un totale di quattro tasche esterne. Le tasche sono molto ampie e sono pensate per contenere oggetti come mappe, telefoni cellulari e, ovviamente, il portafogli!
  • Chiusura a zip e bottoni a pressione
    La giacca Bedale presenta una chiusura a zip e bottoni a pressione. La tecnologia garantisce una chiusura sicura e resistente all’acqua e al vento.
  • Collo in velluto a coste (corduroy)
    Il collo della giacca è in corduroy, un tessuto a coste che conferisce un tocco di eleganza alla giacca e, soprattutto, allo stesso tempo protegge il collo dal freddo.
  • Fodera interna
    La giacca presenta una fodera interna in tartan, un tessuto tradizionale scozzese che conferisce un tocco di colore alla giacca e la rende molto elegante.
  • Lunghezza
    La giacca Bedale è più corta rispetto alla giacca Beaufort, ma comunque abbastanza lunga da coprire la parte inferiore della schiena. Questa caratteristica rende la giacca più adatta alla vita quotidiana, ma comunque funzionale per le attività all’aria aperta.
  • Maniche regolabili
    Le maniche della giacca Bedale sono regolabili grazie ad un sistema di bottoni, che permette di adattare la giacca alle esigenze di chi la indossa



In sintesi, la giacca Barbour Bedale è una giacca resistente all’acqua e al vento, ideale per la vita cittadina e per le piccole gite fuori porta. Non a caso la palette di colori delle giacche cerate Barbour è ispirata alle tonalità della campagna inglese. Grazie al tessuto cerato, alla chiusura a zip e bottoni a pressione, alle tasche ampie, alla fodera interna in tartan e alle maniche regolabili, la giacca Bedale offre un mix perfetto di funzionalità e stile classico.

Il modello Beaufort

Analizziamo ora le differenze tra il modello Beaufort e il modello Bedale:

  • Lunghezza
    La giacca Beaufort è più lunga della Bedale, arrivando a coprire la parte superiore della coscia. Questo la rende più adatta alle attività all’aperto, in particolare a quelle che richiedono una maggiore protezione contro le intemperie.
  • Tasca posteriore
    La giacca Beaufort presenta una tasca posteriore, situata al centro della schiena. Questa tasca è molto utile per riporre oggetti come guanti, cappelli e mappe, e la sua posizione centrale non interferisce con i movimenti dell’utente.
  • Cappuccio opzionale
    La giacca Beaufort è progettata per poter essere abbinata ad un cappuccio opzionale, che può essere fissato alla giacca tramite bottoni a pressione. Questo rende la giacca più versatile e adatta a diverse situazioni meteorologiche.
  • Colletto in velluto:
    Il colletto della giacca Beaufort è rivestito in velluto, un tessuto che offre un maggior comfort al contatto con la pelle e che dona alla giacca un tocco di eleganza.
  • Tasche frontali
    Le tasche frontali della giacca Beaufort sono profonde e capienti. Sono dotate, inoltre, di una pattina che le protegge dalla pioggia e dal vento. Inoltre, le tasche sono riscaldate da una fodera in pile, che le rende ideali per riporre oggetti come guanti e sciarpe.
  • Polsini regolabili
    I polsini della giacca Beaufort sono regolabili grazie ad un sistema di bottoni, che permette di adattare la giacca alle esigenze dell’utente e di evitare che il vento e la pioggia entrino all’interno della giacca.



La giacca Beaufort è quindi più adatta alle attività all’aperto e offre una maggiore protezione contro le intemperie rispetto alla giacca Bedale.

La giacca Barbour - Storia di un capo iconico

Il segreto del successo

Ma perché le giacche Barbour sono diventate un capo così iconico?
Numerosi sono i fattori che hanno contribuito ad alimentare il prestigio del brand agli occhi del mondo.
In primis, hanno uno stile senza tempo che le rende adatte a molteplici occasioni. Le giacche Barbour sono disponibili in diverse forme e modelli, ma tutte hanno una costruzione solida e una finitura classica. La loro estetica rustica ma elegante si sposa sia con look casual che con outfit maggiormente formali, adattandosi a svariate situazioni e stili personali. Inoltre, l’associazione con celebrità del cinema (si pensi a Steve McQueen che ha indossato capi Barbour durante le riprese del film Bullit), reali britannici (la Regina Elisabetta prediligeva capi Barbour nelle sue attività outdoor) e della musica (il cantante degli Arctic Monkeys, Alex Turner) ha contribuito a diffonderne la fama e ad aumentarne l’appeal.

Ad oggi il mondo Barbour è sinonimo di stile senza tempo, di un connubio vincente tra compostezza british e spirito di avventura, mondanità e piacere per la vita off-road. In definitiva, indossare un capo Barbour non è una semplice scelta di stile, ma una dichiarazione di una autentica Way of Life.

Gabriele Vito
Gabriele Vito
Laureato in Psicologia del Lavoro e del Benessere nelle Organizzazioni, è attivo nel settore della Formazione e dello Sviluppo Organizzativo. Curioso di natura, è appassionato di letteratura, musica e sport, ed è costantemente alla ricerca di nuovi stimoli intellettuali ed enogastronomici. Estimatore dell'Arte in tutte le sue forme, ha collaborato nel corso della sua esperienza alla scrittura di racconti e articoli di diversa natura.

Altri articoli dallo stesso Autore

The Peripheral: la nuova serie Cyberpunk su Amazon Prime Video

Di cosa parla The Peripheral? Quali sono le caratteristiche del Cyberpunk? Scopriamolo insieme! Dal 21 Ottobre 2022 Amazon Prime Video ha distribuito The Peripheral (nota...

Nuove forme organizzative-Holacracy

Quali sono le logiche della forma di organizzazione adottata da startup e colossi della Silicon Valley? Il concetto di olocrazia nella sua etimologia greca significa...

Il Business Model: la formula per il successo aziendale

Cosa separa un’idea geniale dalla sua reale concretizzazione sul mercato? Attraverso quale strumento le aziende riescono a generare valore? Qual è la bussola per...

Piccola guida al Design Thinking

Pensare fuori dagli schemi: un valore aggiunto Il Design Thinking è un insieme di tecniche che utilizzano il pensiero creativo e iterativo per aiutare le...

Most Popular

Recent Comments